il Resto del Carlino 23 settembre 2022

L’intervento Bollette pazze Situazione pesante, il Governo intervenga

di Mauro Mambelli*

Con l’iniziativa ’Bollette in vetrina’ abbiamo invitato tutti gli imprenditori ad esporre nei propri locali le ultime bollette del gas e dell’energia elettrica, come Confcommercio provincia di Ravenna e Fipe abbiamo fatto

un’operazione di trasparenza per mostrare ai cittadini quale è la situazione in cui le imprese sono costrette a operare Le pagine e le copertine che ha dedicato il Carlino Ravenna a questa iniziativa ha reso evidente che le bollette monstre sono triplicate rispetto a un anno fa a causa dell’impennata dei prezzi del gas.. 

Oggi viviamo in una situazione nella quale gli imprenditori sono costretti a dover scegliere tra gli aumenti dei listini, finora assai modesti, e la sospensione dell’attività in attesa di un intervento risolutivo da parte del Governo. E’ però ormai certo che la corsa continua degli aumenti dell’energia e un’inflazione superiore all’8% (tasso record dalla fine del 1985), per quasi l’80% dovuta proprio all’impennata dei prezzi delle materie prime energetiche, metterà a rischio da qui ai primi sei mesi del 2023 le imprese ravennati del terziario di mercato e tantissimi posti di lavoro. Tra i settori più esposti, il commercio al dettaglio, la ristorazione e gli alberghi con aumenti tripli rispetto a luglio 2021, i trasporti che oltre al caro carburanti (+30-35% da inizio pandemia ad oggi) si trovano ora a dover fermare i mezzi a gas metano per i rincari della materia prima; ma a risentire pesantemente di questa situazione sono anche i liberi professionisti, le agenzie di viaggio, le attività artistiche e sportive, i servizi di supporto alle imprese e il comparto dell’abbigliamento che, dopo una stagione di saldi marginalmente favorevole, si trova oggi a dover sopportare incrementi consistenti. Complessivamente, la spesa in energia per i comparti del commercio, turismo e servizi nel 2022 ammonterà al triplo rispetto al 2021 e più del doppio rispetto al 2019.Il decreto aiuti Ter varato dal Consiglio dei Ministri contiene misure utili, ma non sufficienti per sostenere i settori economici. Gli interventi in materia di crediti d’imposta volti a mitigare l’impennata dei costi energetici si sostanziano, infatti, in un beneficio del 40% per gasivori e non gasivori, del 40% per gli energivori e del 30% per i non energivori. Ma si tratta di misure riferite ai consumi per il prossimo bimestre ottobre-novembre. Occorrono interventi per il rafforzamento, in particolare, del credito d’imposta per i non energivori già operante per il trimestre luglio-settembre, oltre che per una copertura anche per dicembre. Andrebbe poi previsto un maggior ristoro per bollette con incrementi dei costi dei consumi elettrici per kWh superiori al 100%. È anche necessario un sostegno alla liquidità delle imprese. La situazione è quindi pesantissima: se non si interverrà con risorse consistenti ed adeguate, gli incrementi dei costi energetici e di gas per ottobre e novembre risulteranno sempre più insopportabili, per alcuni addirittura in aumento del 100% rispetto a luglio e agosto.

Mauro Mambelli Presidente Confcommercio provincia di Ravenna

 

Metromappa dei Servizi

Europe, Rome

 

 


 


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.