EMILIA-ROMAGNA IN ZONA BIANCA DAL 14 GIUGNO LE NUOVE REGOLE

 

Stop al coprifuoco e riapertura quasi totale delle attività economiche: ecco una sintesi delle regole in vigore in Emilia-Romagna a partire da lunedì 14giugno.
Le regole da rispettare in zona bianca sono davvero poche. Ma valgono le raccomandazioni al mantenimento di comportamenti responsabili, che assieme alla copertura vaccinale potranno garantire a tutti un vero, e soprattutto definitivo, ritorno alla normalità.
Ecco una sintesi delle nuove regole.
 
COPRIFUOCO
Eliminato il vincolo del coprifuoco.
 
RISTORANTI, QUANTI AL TAVOLO?
Fino al 21 giugno il consumo al tavolo negli spazi al chiuso è consentito per un massimo di 6 persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi. All’aperto non c’è alcun limite.
 
ATTIVITÀ ECONOMICHE E APERTURE
Non si applica il calendario delle riaperture previsto dal decreto 65/2021: le attività economiche sono tutte libere di aprire dal momento in cui una regione entra in zona bianca. Per fare alcuni esempi: piscine al chiuso, sale giochi, convegni, congressi, fiere, cerimonie.
Resta invece proibito ballare nelle discoteche almeno finché non saranno definiti i protocolli.
La riapertura delle attività deve avvenire nel rispetto delle Linee guida definite con ordinanza del Ministero della Salute del 29 maggio 2021.
 
MASCHERINE E DISTANZIAMENTO
Resta l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto e al chiuso negli spazi pubblici e privati, mantenendo sempre la distanza interpersonale di 1 metro. Resta inoltre in vigore il divieto di assembramento.
 
VISITE A PARENTI E AMICI
Non ci sono limiti per le visite a parenti e amici.
Essendo venuto meno il coprifuoco, decadono le restrizioni riferite all’orario di visita, al numero di persone che possono spostarsi in una privata abitazione e al numero delle abitazioni che è possibile visitare nell’arco della giornata.

 

Metromappa dei Servizi

Europe, Rome

 

 


 


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.